TUTTI FRUTTI – il pezzo con cui Little Richard ha fatto la storia del rock‘n’roll

/, Recensioni, Speciali/TUTTI FRUTTI – il pezzo con cui Little Richard ha fatto la storia del rock‘n’roll

TUTTI FRUTTI – il pezzo con cui Little Richard ha fatto la storia del rock‘n’roll

Di impatto travolgente e concept ritmico elevato, il singolo recentemente celebrato anche su Rolling Stone[1] come “il suono della nascita del rock ‘n’roll”, è stato inserito da Mojo tra i primi 100 dischi che hanno cambiato il Mondo[2], in virtù dei riferimenti ai primordi del rock e di un linguaggio accessibile e particolarmente coinvolgente.

Registrata per la prima volta a New Orleans il 14 Settembre del 1955 come singolo su un 45 giri, la canzone, pubblicata appena un mese dopo per la Speciality Records[3], divenne in breve tempo un successo presentandosi con un testo selvaggio e provocatorio, tonalità dure e sconcertanti, il tutto accanto a melodia e ritmo avvolgenti. Scritto da Richard Wayne Penniman e Dorothy LaBostrie[4], il brano si apre con un grido tendenzialmente gospel in cui risulta covata una frustrazione. Introducendo alcune delle attitudini più identificative della musica rock, il pezzo è diventato un modello per le composizioni successive di Richard e per il rock’n’roll stesso, tracciando le fondamenta per la leggenda dell’autore e non solo. Brillando in tutto il suo volume elevato e per uno stile impetuoso, il successo discografico di Richard sembrerebbe destinato a rimanere nell’immaginario del rock, destando particolare attenzione sia per la compattezza che per l’assemblaggio strumentale lungo gli affascinanti vocalizzi che ne costituiscono il punto cardine.  


[1] [MAGGIO 2012] cfr Official Site

[2] [GIUGNO 2007] cfr MOJO 163 – The 100 Records that changed the world-

[3] Etichetta discografica americana fondata a Los Angeles nel 1945 da Art Rupe | Conosciuta per il gospel, il rhythm & blues e il rock’n’roll degli inizi, l’ex Jukebox Records ha registrato anche Guitar Slim, Lloyd Price e Percy Mayfield

[4] cfr Music Brainz

By | 2020-05-12T14:22:13+02:00 Maggio 10th, 2020|Musica, Recensioni, Speciali|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio