THOR – il più forte degli Avengers

///THOR – il più forte degli Avengers

THOR – il più forte degli Avengers

Primo dei tre capitoli riguardanti la storia di Thor (Chris Hemsworth), dio del tuono e legittimo erede del trono di Asgard, il film uscito nell’Aprile del 2011 racconta dell’esperienza terrena del mitologico eroe e dei suoi fedeli compagni. Uno dei sette regni collegati tra loro dal Biofrost, la terra asgardiana è separata dal resto del mondo dal ponte fatiscente controllato dal guardiano Heimdall (Idris Elba), un lungimirante cavaliere fedele al re che subirà l’avanzata dei giganti di ghiaccio per mano dell’avido Loki (Tom Hiddleston), desideroso di sottrarre “la corona” al fratello e rendere inoffensivo il re.

Esiliato sulla Terra dal padre degli dei Odino (Anthony Hopkins), il protagonista avrà l’occasione di incontrare l’umanità e conoscere il valore della grazia, della collaborazione e soprattutto quello dell’amore, maturando una maggior consapevolezza di sé e fortificandosi per l’esperienza aggiunta. Ingannato dal fratellastro/dio delle malefatte interpretato da Hiddleston e svestito dei titoli reali per via dell’imprudenza commessa verso Jotunheim, dovrà fare di tutto per meritare di nuovo ciò che gli spetta per diritto di nascita, a cominciare dal famigerato martello della mitologia norrena, cui fanno riferimento il personaggio Marvel di Thor e la sua gente. Supportato dalla scienziata Jane Foster (Natalie Portman), da Erik Selvig (Stellan Skarsgård) e Darcy Lewis (Kat Dennings), Thor incontrerà anche Phil Coulson (Clark Gregg) e lo S.H.I.E.L.D., dando l’avvio ad un’alleanza divino-terrestre che alimenterà i successivi capitoli del Marvel Cinematic Universe, il cui apporto direttivo viene specificato – in questa come nelle altre pellicole della produzione marveliana – dal cameo del compianto Stan Lee[1]. Diretto da Kenneth Branagh, il lungometraggio riflette – in un certo senso – il desiderio di perseguire il destino e di mettersi a disposizione della conoscenza, inserendosi come punto cardine delle storie supereroistiche dei Marvel Studios, in virtù di un racconto mitologico e romanzato dell’umanizzazione del potente Thor.


[1] (n.28/12/1922 – m.12/11/2018) Padre di molte delle storie dei fumetti della Marvel Comics, di cui è stato presidente e direttore editoriale

By | 2020-05-25T23:36:35+02:00 Maggio 4th, 2020|Cinema, Recensioni|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio