HEROES – il più grande concerto in live streaming mai realizzato in Italia in diretta dall’Arena di Verona

/, Musica, Report/HEROES – il più grande concerto in live streaming mai realizzato in Italia in diretta dall’Arena di Verona

HEROES – il più grande concerto in live streaming mai realizzato in Italia in diretta dall’Arena di Verona

Anticipato dall’anteprima a cura di Alex Braga, “il concerto della ripartenza” è partito con l’immersione di Michele Bravi nelle note de La vita breve dei coriandoli, per poi passare ai toni più marcati ed invasivi di Anastasio su Atto Zero e Quando tutto questo finirà, sullo stesso colore musico-rap di Random su Sono un bravo ragazzo un po’ fuori di testa. Il fascino dell’evento decolla già con l’arrivo sul palco di Gaia, artista dotata di un elevata presenza scenica e di livelli vocali che colpiscono per sensualità e ritmo, esibitasi sull’irrinunciabile Chega e su Coco Chanel, ipnotizzando presenti e spettatori con il tratteggio evocativo della sua performance in virtù di una grande emozione, la stessa che ha animato, più avanti, anche l’esibizione di Levante e di Cara per una rassegna senza sosta. Differenziata – per un’esperienza interattiva ad ampio raggio – tra Main Stage, Immersive Stage e Creators Room, la serata ha permesso anche di ascoltare le testimonianze degli organizzatori Orazio Caratozzolo e Antonella Lodi, ad incentivare il valore conoscitivo dell’evento volto al cambiamento e all’evoluzione.

Intervallata dagli interventi in video di artisti come Stefano Fresi, Andrea Bosca e Vittoria Puccini, la carrellata live, attraversata lungo una cospicua varietà di genere che va dal rap e dall’indie al rock e al progressive, intende sensibilizzare verso il lavoro e anche richiamare l’attenzione sui temi delicati della natura, del clima, delle infrastrutture, della sostenibilità e della sicurezza per un futuro migliore. Passando da artisti come Gazzelle, Coez, Gemitaiz, Mostro e Willie Peyote ad altri come i Pinguini Tattici Nucleari, gli Zero Assoluto e i Marlene Kuntz, la serata ha preso la forma di uno spazio offerto all’arte e ad una nuova era dello spettacolo. Entusiasmando la platea contingentata dell’arena, il gruppo guidato dal frontman Cristiano Godano si è fatto portavoce del messaggio della tenacia nella solitudine con Io e me, ad anticipare la salita sul palco, con un outfit sgargiante e slanciato, dei Kolors sulle note della travolgente Non è vero, prima di lasciare la scena alla giovanissima promessa del rap Anna con la frizzante Bando. Tra gli altri artisti che è stato possibile ascoltare durante il mega live di Verona, anche i Selton e Brunori Sas, salito sul palco con la sua vena esilarante ma testimoniando l’importanza di ciò che si sta facendo in virtù di una speranza, raccolta nel pezzo alla chitarra Al di là dell’amore, così come in Non avere paura di Tommaso Paradiso, esibitosi quasi in controtendenza all’esplosione di colore e coinvolgimento con il featuring di Rocco Hunt e Ana Mena su A un passo dalla luna, ad arricchire la valorizzazione della serata in diretta ieri dalle 18,50 su www.futurissima.net. Numerosi sono stati, infatti, i momenti in cui artisti di stampo differente hanno condiviso la scena piazzando delle vere chicche di innovazione e stile. Tra questi la collaborazione di Achille Lauro con Annalisa, di Ghemon con Ginevra, di Fedez con Francesca Michielin e di Elisa con Marracash, brillante produttore, questo, dai testi profondi e di elevato impatto, esibitosi anche su Crudelia-i nervi prima di lasciare il palco a Madame con Sciccherie e a Mahmood con Rapide e Dorado. A calcare l’ambito palcoscenico dell’anfiteatro della città di Romeo e Giulietta anche Elodie e Priestess con la suggestività di pezzi come Guaranà, Margherita Vicario e Diodato con tracce evocative come Pina Colada e Adesso, gli Afterhours e i Subsonica con brani travolgenti come La verità che ricordavo e Tutti i miei sbagli, artisti differenti ma comunque accomunati, così come tutti quelli in scaletta ma non solo, dall’immagine di simboli della cultura pop moderna e della musica contemporanea in Italia. Tanti altri i musicisti in rotazione durante l’evento, rivelatosi un segno che – come hanno ampiamente dimostrato gli eventi social di questo periodo – non solo la musica non si è mai fermata, ma anche che ora è finalmente ripartita dal vivo, perché, anche se l’esperienza fatta nell’interattività potrebbe certamente rendere il servizio streaming una valida alternativa nel futuro visti i risultati positivi, niente potrà mai uguagliare l’emozione del contatto e l’odore del palco da vicino.

By | 2020-09-23T15:54:58+02:00 Settembre 7th, 2020|Eventi, Musica, Report|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio