BILLIE JEAN – MTV e l’apertura di 37 anni fa alla black music

///BILLIE JEAN – MTV e l’apertura di 37 anni fa alla black music

BILLIE JEAN – MTV e l’apertura di 37 anni fa alla black music

Altro singolo ed altro successo inarrestabile: questa è la storia relativa ai lavori e alla musica di Michael Jackson, riuscito, in questo caso, a piazzare il videoclip del suo pezzo nella programmazione fissa – per circa un mese – dell’emittente musico-televisiva del gruppo VIACOM segnando un altro grande primato. Risale proprio al 10 Marzo 1983, infatti, l’inizio della diffusione a mezzo televisivo del primo video di un pezzo appartenente ad un artista di colore segnando lo slancio verso la globalizzazione della musica e – nel caso specifico – l’apertura alla black music e, quindi, ad un modus operandi senza confini in merito alla libera espressione musicale.

Pubblicato come secondo singolo dell’album -Thriller-, il pezzo in oggetto aveva raggiunto la prima posizione della classifica Billboard il 5 Marzo 1983 rimanendovi per sette settimane consecutive e segnando un decisivo spaccato culturale e ideologico in virtù di una rivoluzione musicale da record. Probabilmente la canzone più conosciuta e famosa dell’artista[1], il pezzo si è aggiudicato numerosi riconoscimenti, tra cui un Disco di platino nel 1989 e due Dischi d’oro nel 2005 e 2009, dominando, inoltre, la classifica soul per undici settimane e gettando le basi del mito jacksoniano che – da quel momento in poi – avrebbe influenzato il mondo della musica e dello spettacolo[2]. Concepito – presumibilmente – in ottica prettamente cinematografica, il videoclip del pezzo concerne nella forma una struttura spiccatamente narrativa in virtù di una storia sullo sfondo che affresca il contatto tra la realtà e la magia surreale del mondo artistico del re del pop (cfr), divenendo un punto cardine della storia della musica internazionale e un importante lascito alla tradizione dell’arte in genere e multiforme quale espediente videografico – come, tra l’altro, tutti quelli del compianto artista statunitense – di contatto tra Musica, Cinema, Fotografia, Scenografia e soprattutto Coreografia, in riferimento, specie quest’ultima, alla sublime interpretazione di movimenti e balli in imprevedibili contesti, come quello delle scale.


[1]Cfr Wikipedia – ^ The Billboard Hot 100 – 1983, su billboard.com. URL consultato il 7 luglio 2009 (archiviato dall’url originale il 20 ottobre 2006).

[2] Cfr Enciclopedia della Musica

By | 2020-03-10T17:59:12+01:00 Marzo 10th, 2020|Musica, News|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio