CAPODANNO 2021 – da Roma e da Potenza un forte messaggio di speranza “in prospettiva” (cit.) del senso di comunità

/, Speciali/CAPODANNO 2021 – da Roma e da Potenza un forte messaggio di speranza “in prospettiva” (cit.) del senso di comunità

CAPODANNO 2021 – da Roma e da Potenza un forte messaggio di speranza “in prospettiva” (cit.) del senso di comunità

È iniziato, inevitabilmente un po’ in sordina ma non per la coesione dell’intera penisola italiana, il tanto atteso nuovo anno, celebrato attraverso diversi appuntamenti esclusivi in live streaming e di cui la città capitolina si conferma – come del resto è sempre avvenuto nei capodanni in presenza – fulcro centrale di emozioni e simbolo di unità. Se negli anni passati, infatti, ci si raccoglieva in migliaia al Circo Massimo per salutare il vecchio anno e inaugurare il nuovo in musica, anche in questa edizione non sono mancate – anche se in forma differente – le occasioni di partecipazione emotiva lungo una sentita prospettiva del futuro che, quest’anno, assume un ulteriore valore aggiunto.

Organizzato con cura e dedizione da Roma Capitale e in diretta su oltretutto.roma.it e culture.roma.it, il grandioso evento -Oltre tutto- ha saputo, dando anche spazio alla riflessione, coniugare arte ed attualità in digitale, costruendo un viaggio fatto di frammenti lungo gli scorci di Roma e le testimonianze di personalità e professionisti della cultura che hanno raccontato il loro rapporto con gli eventi recenti e con la città romana, attualmente orfana del solito tram tram di eventi. Calcando fortemente la necessità di restare uniti e non abbassare la guardia, l’evento in contemporanea anche su Facebook e Youtube trasmette un messaggio di speranza attraverso le voci di chi ha vissuto l’ambiguità dell’ultima notte dell’anno, dandogli anche modo di esprimere la propria concezione di futuro. Percorsa tra rumori, silenzi, luci e colori, la nottata si presenta, tra malinconia e nostalgia, indiscutibilmente cupa ma ad arricchire il tutto con un po’ di brio ci hanno pensato le narratrici Michela Murgia e Chiara Valerio dal Laboratorio di Scenografia del Teatro dell’Opera, dove, nel finale, si è esibita anche la senese Gianna Nannini per chiudere il tutto con del sano rock dopo l’intervento della Sindaca Raggi, la quale ha espresso la sua vicinanza ai cittadini romani e non solo. Dall’altra parte, in diretta su Rai 1 da Potenza, è andato in scena il tradizionale spettacolo de -L’anno che verrà-, appuntamento musicale che, condotto da Amadeus, ha visto alternarsi pezzi da 90 come Piero Pelù, Rita Pavone, Umberto Tozzi, Raf, J-Ax e Gigi D’Alessio a talenti come Arisa, Annalisa, Gaia, Shade, Rocco Hunt, J-Ax, Clementino e i Boomdabash, il tutto in un format reso ancor più particolare dalla partecipazione di Gianni Morandi e dalle incursioni di Nino Frassica. Tra gli artisti, invece, che hanno partecipato in video alla collection di racconti e musica guidata da pochi passi dal Circo Massimo, Gemitaiz, Manuel Agnelli, Carl Brave, Diodato ed Elodie, uniti e coinvolti, come i colleghi sulle reti rai, nell’accompagnare gli italiani – come da auspicio generalizzato – verso un nuovo inizio per andare oltre (cfr) senza, però, dimenticare gli insegnamenti di questo periodo (cit.). Le celebrazioni per il nuovo anno, però, non sono terminate e continueranno questa sera su Rai 1 con il consueto spettacolo -Danza con me- di Roberto Bolle, appuntamento televisivo durante cui vi sarà anche il momento del super-ospite Vasco Rossi che farà il suo ritorno in tv per presentare il suo primo regalo per un 2021 più sereno e – come dice lo stesso rocker – di rinascita. Si tratta del brano Una canzone d’amore buttata via, punto di (ri)partenza con cui anticipa, nell’auspicio di un rapido ritorno alla dimensione live e ai concerti, un nuovo album di inediti.

By | 2021-01-02T20:37:03+01:00 Gennaio 1st, 2021|Eventi, Speciali|0 Comments

About the Author:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: