NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI OGGI – dagli anni ’80 ai giorni nostri

///NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI OGGI – dagli anni ’80 ai giorni nostri

NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI OGGI – dagli anni ’80 ai giorni nostri

Pellicola vincitrice del Telegatto per Miglior film nel 2007, il lungometraggio è ambientato nell’anno del trionfo mondiale dell’Italia a Berlino, assumendo una connotazione contemporanea strutturata – come evidente dalla fotografia introduttiva – attraverso varie annualità mettendo in risalto lo spirito trasformista del protagonista. Reduce dagli esami del 1989 di Notte prima degli esami, l’attore romano Nicolas Vaporidis porta il suo Luca nel contemporaneo 2006, trovandosi a vivere – insieme agli inseparabili amici – esperienze ancor più travolgenti per le complicazioni sentimentali sullo sfondo con tanto di tema musicale costituito da brani rappresentativi della gloria nazionale di quel periodo come la conclusiva We are the Champions dei Queen.   

Invaghitosi della fascinosa Azzurra (Carolina Crescentini), il carattere riportato in scena da Vaporidis trascorrerà la fatidica notte rincorrendo la ragazza fino a Milano e, rischiando di dover ripetere l’anno, potrà far affidamento su Massi (Andrea De Rosa), Riccardo (Eros Galbiati), Simona (Chiara Mastalli) e Alice (Sarah Maestri). Tornati a dar voce ai componenti dell’affiatato gruppetto di compagni/amici, i giovanissimi attori non mancano di integrare il livello della solida amicizia su cui si basava tutto il primo film della serie firmata da Fausto Brizzi, il quale, tra l’altro, è stato premiato con un Nastro d’argento speciale[1] dopo l’uscita del film di Febbraio 2007. A turbare la tranquillità pre-esame di Luca, oltre al rapporto complicato con Azzurra, tante altre vicende come la crisi familiare tra i genitori interpretati da un simpaticamente molto vago Giorgio Panariello e Paola Onofri, trovando conforto quasi unicamente nella saggezza del nonno Luigi (Franco Interlenghi) e negli amici. Nuovamente confezionati a dovere sugli interpreti, i ruoli dei migliori amici del protagonista vengono messi in risalto anche da uno specifico montaggio di condivisione di esperienze ed emozioni, brillando per il senso di “contagioso” supporto dato alla scena, questa volta amplificato anche dalla natura complice della professoressa interpretata da Serena Autieri. Trascrivendo il senso di appartenenza all’Italia e ai suoi colori, il prodotto Italian International Film e Rai Cinema finisce per manifestare la necessità della vicinanza nell’affrontare gli ostacoli e godere di vittorie personali e collettive anche – se vogliamo – in risposta alle situazioni insolite come la maturità di quest’anno.


[1] cfr WIKIPEDIA

By | 2020-06-20T17:58:42+02:00 Giugno 20th, 2020|Cinema, Recensioni|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio