CHE VUOI CHE SIA – il disarmante riflesso delle azioni incoscienti

///CHE VUOI CHE SIA – il disarmante riflesso delle azioni incoscienti

CHE VUOI CHE SIA – il disarmante riflesso delle azioni incoscienti

In prima visione su Canale 5 nella fascia serale di ieri, la commedia di Edoardo Leo affronta il tema della necessità nella vita di coppia di – in un certo modo– “far quadrare i conti”. Ingegnere informatico ridotto alla riparazione dei pc, Claudio (Edoardo Leo) sembrerebbe il classico ragazzo con un sogno nel cassetto provato, inesorabilmente, dalla mancanza di risorse. Insegnante di matematica sospesa sul filo delle supplenze, Anna (Anna Foglietta) conduce una vita a ridosso dell’ambizione dell’assunzione e di un posto di ruolo nel settore scolastico.

In preda alla disperazione e ad un atteggiamento “allegrotto”, i due protagonisti si ritroveranno catapultati in rete in un video motivazionale legato al crowdfunding di un progetto innovativo del carattere interpretato dall’attore e regista romano. Finendo all’interno del circolo vizioso e trasgressivo del web, Claudio e Anna dovranno cercare di rimediare alla loro bravata, richiedendo la cancellazione dei contenuti e dell’account sul portale della raccolta fondi,nonostante vi sia stata un’immediata e ingente risposta da parte del pubblico di pulciari (cit. Claudio). Interpretato da Rocco Papaleo, Franco sottolinea la naturalezza dell’atto di condivisione oggetto della promessa, finendo per indurre alla riflessione sull’importanza dell’intimità da parte dei protagonisti e trasposta – in un certo senso – anche agli spettatori. Altro spunto riflessivo implicito nella pellicola quello sulla funzione – talvolta disarmante – della tecnologia nel contesto dell’evoluzione in atto, tanto da porre un sipario tra i benefici dell’utilizzo cosciente dei mezzi e gli effetti negativi che gli stessi – se utilizzati erroneamente – sulla vita dei fautori. Uscito in sala il 19 novembre 2016, il lungometraggio segna un passo in avanti di Edoardo Leo verso lo studio del genere umano e nei confronti della contemporaneità e delle consuetudini e/o abitudini moderno – attuali dell’uomo.

By | 2018-11-17T18:55:29+01:00 Settembre 5th, 2018|Recensioni|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio