LA CORSA PIÙ PAZZA D’AMERICA – una corsa clandestina fino in California

///LA CORSA PIÙ PAZZA D’AMERICA – una corsa clandestina fino in California

LA CORSA PIÙ PAZZA D’AMERICA – una corsa clandestina fino in California

Candidati alla vittoria della Cannonball Run o – che dir si voglia – della corsa più pazza d’America (cfr), J.J (Burt Reynolds) e Victor (Dom DeLuise) sono pronti a gareggiare conducendo una vettura camuffata da ambulanza per ovvi motivi di conduzione sulla strada da New York a Los Angeles dove polizia e dispositivi di controllo velocità sono in agguato. Giunto nelle sale cinematografiche italiane ad Ottobre 1981 per la regia di Hal Needham, il prodotto segue, per quanto concerne l’allestimento narrativo, lo stesso filone comico-automobilistico di pellicole come Un maggiolino tutto matto del 1968, anche se, pur mantenendo l’input di determinazione dei piloti e finalità simili, vi si distingue per location e tematiche.

Partiti con tanto di medico e paziente a bordo, i protagonisti del film di avranno l’occasione di accaparrarsi la vittoria, speranza, però, poi stroncata dallo spirito altruista di Capitan Caos che, resosi conto del misfatto, assumerà di lì in avanti altre vesti. Gareggiando contro assi del volante come i giapponesi della Subaru e le provocanti Marcie (Adrienne Barbeau) e Jill (Tara Buckman) alla guida di una Lamborghini Countach, i due dovranno far i conti anche con il degenerarsi delle vicende. Elemento che conferisce al film un carattere burlesco e l’identità di farsa, l’esagerazione delle situazioni porta ad un assetto caricaturale che perdurerà fino alla fine, rendendo esilaranti le performance da parte di personaggi intenti a sfidarsi su qualsivoglia mezzo di trasporto e senza limitazioni. Traendo spunto dalla corsa ufficiale della Cannonball Baker degli anni ’70, la pellicola ha avuto due sequel e si appresta ad essere rivisitata per un remake non remake annunciato nel 2018 e affidato ad Doug Liman[1]. A dar, presumibilmente, un maggior significato al film interpretato da Reynolds e compagni, lo sfoggio di auto e moto presenti, tra cui anche una Ferrari 308, una Rolls-Royce, una Chevrolet, una Harley-Davidson Sportster e una Aston Martin alla 007 condotta da Roger Moore in persona, nel cast insieme a Dean Martin e Peter Fonda, tra gli altri.


[1] cfr HOLLYWOOD REPORTER – notizia del 04/06/2018

By | 2020-06-26T22:05:00+02:00 Giugno 25th, 2020|Cinema, Recensioni|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio