HERBIE – l’insospettabile lato umano del maggiolino da corsa

//HERBIE – l’insospettabile lato umano del maggiolino da corsa

HERBIE – l’insospettabile lato umano del maggiolino da corsa

In onda stasera su Paramount Channel, il quinto episodio della serie di successo avviata nel 1969 con Un maggiolino tutto matto, configurandosi come rispolvero da parte della Disney di un brand molto famoso negli anni ’70, risulta incentrato sul rapporto tra uomo e macchina – o meglio – tra una donna e la sua auto, in questo caso.

Uscito al cinema il 26 Agosto 2005 per la regia di Angela Robinson, Herbie – il supermaggiolino risulta strutturato sulla ormai consolidata formula della miscela tra tratti comici, effetti accattivanti sullo schermo e lato sentimentale sullo sfondo. In procinto di trasferirsi con la sua amica Charisma (Jill Ritchie) a New York dopo la laurea, Maggie Peyton (Lindsay Lohan) interpreta un’ambiziosa ragazza affascinata da mondo delle corse automobilistiche e dalle auto d’epoca, motivo per il quale entrerà in relazione con la leggendaria auto anno 1963, trovata nello sfasciacarrozze di zona e regalatale dal padre Ray (Michael Keaton). Da questo momento si assiste ad una presa di posizione da parte di Herbie, il quale assume il pieno controllo della situazione e, in funzione di un mai sopito animo da corridore, torna in pista e porta alla vittoria Max/Maggie, generando curiosità e invidia in Trip Murphy (Matt Dillon). Ponendo l’accento sull’interazione tra i protagonisti della pellicola, Herbie e Maggie, il film restituisce l’immagine dell’avventura vissuta dalla ragazza a bordo del Maggiolino numero 53, mirando a catturare lo spettatore attraverso la simpatia e l’umanità del bolide da corsa.

By | 2019-01-03T16:13:10+01:00 Gennaio 3rd, 2019|Cinema|0 Comments

About the Author:

Avatar