GUARDIANI DELLA GALASSIA – il decimo film del MCU

///GUARDIANI DELLA GALASSIA – il decimo film del MCU

GUARDIANI DELLA GALASSIA – il decimo film del MCU

Ambientata nello spazio e tratta dall’omonima tradizione fumettistica della casa delle idee, la storia del primo capitolo della relativa serie cinematografica è narrata spesse volte, o almeno nella prima parte, in riferimento all’attenzione posta sui comportamenti individuali dei personaggi, per poi passare, sul finale, ad un contesto più generalizzato dell’audacia e del lavoro di squadra. A far da mentore o quasi al gruppo in via di formazione è uno stralunato Peter Quill (Chris Pratt), un uomo dall’approccio evasivo e leggero alla vita, questo soltanto in apparenza perché in realtà, anche nel walkman stile retrò custodito come un tesoro, terrebbe nascosto l’animo di un ragazzo legato ai ricordi.

Co-scritto e diretto da James Gunn per una produzione Marvel Studios, il film, uscito il 22 Ottobre del 2014, è stato distribuito da Walt Disney e si inserisce all’interno del filone del Marvel Cinematic Universe, lo stesso che ha partorito le pellicole relative agli Avengers, con le quali il lungometraggio in oggetto – così come il suo sequel[1] – è strettamente correlato. È stato possibile, infatti, assistere all’intervento di questi eroi spaziali anche in Avengers: Infinity War, in cui le milizie guidate da Tony Stark/Ironman si scontravano, per la prima volta, con l’ineluttabile Thanos, perfido tiranno cinematograficamente anticipato anche nel prodotto in oggetto. Come di solito accade nelle pellicole Marvel, anche in Guardiani della Galassia è presente un cameo del compianto Stan Lee, a sottolineare il continuum logico/ideale tra le avventure di Star Lord e della sua squadra con tutto il mondo marvelliano. Fuorilegge braccato da Yondu Udonta (Michael Rooker), Quill/Star Lord riuscirà ad evadere dal carcere di Kyln grazie all’aiuto di Rooket, Gamora (Zoe Saldana) e Drax (Dave Bautista), i quali, insieme all’arbusto Groot, diventeranno i suoi compagni di viaggio verso Ovunque. Qui i Guardiani potranno, dopo esser sfuggiti a Rhomann Dey (John C. Reilly) ed essersi alleati con i Nova Corps, incontrare il Collezionista (Benicio del Toro) e riscattarsi contro Ronan (Lee Pace). Denso di effetti speciali e luminescenti degni di una produzione Marvel, il prodotto si arricchisce, oltre che dell’intervento di Bradley Cooper e Vin Diesel nelle voci originali, di una musicalità di impatto, un livello interpretativo tendente, specie nel terrestre Quill, alla simpatia e ad un modus operandi frizzante, unitamente alla dedizione per i costumi e la trasformazione dei corpi degli interpreti a suon di computer grafica.


[1] Un terzo film sui Guardiani della Galassia è in lavorazione – cfr WIKIPEDIA (fonte: HOLLYWOOD REPORTER)

By | 2020-12-08T18:29:23+01:00 Dicembre 7th, 2020|Cinema, Recensioni|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio