BRAVE RAGAZZE – una scelta frapposta tra necessità e moralità

///BRAVE RAGAZZE – una scelta frapposta tra necessità e moralità

BRAVE RAGAZZE – una scelta frapposta tra necessità e moralità

Action movie al femminile, il nuovo film targato Vision Distribution presuppone, in virtù dell’ambientazione anni 80, uno sguardo a posteriori sulla difficile situazione economica italiana, sviluppandosi lungo la profonda amicizia delle quattro protagoniste. Uscita il 10 Ottobre del 2019, la commedia diretta ed interpretata da Michela Andreozzi nei panni dell’agente Franca prende slancio dalla profonda amicizia di un gruppo di ragazze decise a rivoluzionare le proprie vite.

Interpretate da Ambra Angiolini, Serena Rossi, Ilenia Pastorelli e Silvia D’Amico, le quattro superbe giovani dovranno misurarsi con lo stato di insoddisfazione di una madre alle prese con il mantenimento di due figli, una sognatrice provata dai soprusi del marito Giuseppe (Massimiliano Vado), una borgatara disposta a tutto pur di scappare dall’Italia e sua sorella, una donna colta e preparata pronta ad inseguire l’ambizione di una carriera universitaria in Svizzera. Decise a mettere a segno un solo colpo, le donne si muoveranno secondo un modus operandi da telefilm e, sperperando il bottino, decideranno di tornare nello stesso istituto bancario per ritoccare il precedente misfatto svuotando anche la cassaforte. Nei panni del commissario assegnato alle indagini, Luca Argentero sarà chiamato ad un’interpretazione caparbia nel ricostruire gli spostamenti della banda messa su per necessità e valutare tutte le attenuanti del caso. Ricco di spunti comici, il tessuto esilarante del prodotto cinematografico risulta innescato anche da alcune scene clou, prime tra tutte quelle nei nomi del commissario venuto da Torino e del parroco interpretato da Max Tortora, artefice del successo delle performance musicali e canore delle quattro e ascoltatore super partes delle meschinità della città di Gaeta.

By | 2020-02-29T20:45:16+01:00 Febbraio 17th, 2020|Recensioni|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio