BAD GUY – Grammy Award per la canzone dell’anno

/, Recensioni, Speciali/BAD GUY – Grammy Award per la canzone dell’anno

BAD GUY – Grammy Award per la canzone dell’anno

Pubblicato il 29 Marzo 2019 come quinto estratto dell’album -When We Are Fall Asleep, Where do we go?-[1], il singolo della cantante statunitense Billie Eilish spicca per la sofisticata circoscrizione ritmica in riferimento ad un tessuto melodico brillante. Risultato, secondo l’International Federation of Phonografic Industry, il brano più venduto al mondo del 2019[2] con 19,5 milioni di unità acquistate a livello globale[3], il pezzo risulta strutturato lungo un particolare affresco elettro-fonico, nato da un incrocio tra atmosfere alternative-pop e respiri indie.

Fondamentalmente strutturato in due parti, il successo discografico della Eilish presenta, da subito, un impronta pragmatica estremamente coinvolgente, atta a movimentare gli animi, portandoli all’interno di una decorrenza frenetica e quasi spasmodica lungo le tonalità in sol maggiore, per poi arrivare a tonalità più lievi e musicalmente accoglienti. Costruito attraverso l’immissione di elementi molteplici, come del suono di un semaforo di Sydney registrato con il telefono[4], posto sulla base del brano e frutto di un’intuizione di tipo folk. Trattando il tema del sarcasmo e della diffidenza, la canzone presenta la frastornata immagine di un rapporto finito male e risoltosi con il disegno della “cattiveria” della controparte maschile, oggetto di un testo struggente relativo allo stato dell’arrancare i propri sentimenti, elaborazione della Eilish circa la generalizzazione dei rapporti anche con altri e il dominio su di essi, circoscrivendo, con una vena quasi malinconica e come avviene anche nel resto dell’album, la differenziazione tra uomini e donne, posizionando una giovane popstar femminile in un ruolo che di solito è occupato dagli uomini del rock e dell’hip-hop[5]. Vertendo sui tratti tipici del soul e del jazz, il lavoro in oggetto tende, seppur da lontano, a riportare alla mente anche lo stile di Amy Winehouse[6], a cui Billie Eilish potrebbe essere accostata per un’intenzione musicale di tipo cool e valenza trendy, facendo, tra l’altro, ressa tra i Grammy Awards 2020 con i premi per Album dell’anno[7], miglior artista esordiente[8], canzone dell’anno[9] e registrazione dell’anno[10].


[1] Primo album in studio della cantante

[2] cfr Top 10 Global Digital Singles 2019

[3] cfr WIKIPEDIA

[4] Lo dichiarano la cantante re il fratello in un’intervista rilasciata a Rolling Stone

[5] A riportarlo è Caitlin White di Uproxx

[6] Madonna, Amy Whinehouse e i Green Day oggetto delle SPIN covers della Eilish

[7] cfr WIKIPEDIA – Album of The Year (When We are fall asleep, where do we go?)

[8] cfr WIKIPEDIA – Best New Artist

[9] cfr post title + WIKIPEDIA – Song of The Year

[10] cfr WIKIPEDIA – Record of the year

By | 2020-08-15T13:54:46+02:00 Aprile 11th, 2020|Musica, Recensioni, Speciali|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio