FLASHDANCE – favola musicale caratterizzata da una Soundtrack da Golden Globe

//FLASHDANCE – favola musicale caratterizzata da una Soundtrack da Golden Globe

FLASHDANCE – favola musicale caratterizzata da una Soundtrack da Golden Globe

Vincitrice del Premio Oscar per la miglior canzone nel 1983 e di due Golden Globes nel 1984, la pellicola diretta dal semi – esordiente Adrian Lyne è stata consacrata come un vero e proprio cult degli anni ’80, strutturandosi attorno al sogno di diventare una ballerina professionista della protagonista e sulla base di una colonna sonora memorabile costituita da musiche travolgenti.

Interpretata da Jennifer Beals, Alex Owens trascorre le sue giornate lavorando in un acciaieria e desiderando un cambiamento di vita che la conduca ad una certa notorietà artistica, motivo per cui solitamente si esibisce nel locale notturno Mawby’s in attesa della giusta occasione. Sullo sfondo della trama del lungometraggio, uscito nelle sale cinematografiche statunitensi il 15 Aprile 1983, la storia d’amore in via di sviluppo tra Alex e il suo datore di lavoro Nick Harley (Michael Nouri), il quale si mostra disposto a credere in lei e assecondarla nel suo obiettivo procurandole un’audizione in cui giocarsi tutto. Rimanendo un classico dei film di danza, Flashdance sembra alimentarsi di alcune delle caratterizzazioni principali della protagonista, quali l’ambizione nei confronti dei propri obiettivi e la determinazione a darsi da fare lottando con caparbietà per raggiungerli. A sorreggere la trama le scene di ballo inserite nel tessuto cinematografico del film e soprattutto le spettacolari musiche di Giorgio Moroder, tra le quali risaltano le indimenticabili tracce What a feeling e Maniac. Costituito da un montaggio vivace e appassionato, il film di Lyne spicca, inoltre, per lo studio dell’ambientazione della città di Pittsburgh, catturata da una fotografia delicata nella scansione degli interni e mai eccessiva negli esterni.

By |2018-07-08T14:50:20+00:00luglio 7th, 2018|cinema|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio

Leave A Comment