ARGO – mescolanza di diversi registri cinematografici

//ARGO – mescolanza di diversi registri cinematografici

ARGO – mescolanza di diversi registri cinematografici

Tratto dal libro Master of Disguise: My secret life in the CIA di Tony Mendez, il film, diretto e interpretato da Ben Affleck nei panni di un agente della CIA undercover, rivela una sorprendente costruzione narrativa tra sfaccettature multiple di genere, strutturandosi dalla maestria registica di fondere azione, commedia hollywoodiana e dramma storico sulla base della trattazione di fatti realmente accaduti.

Al suo terzo film da regista, Affleck dirige la “macchina cinematografica” allestendo un lungometraggio in movimento secondo una costante veridicità dei fatti narrati, fornendo un esempio di modernità di racconto e creando tensione e suspense. Incaricato dal Governo statunitense di tutelare, nel contesto rivoluzionario di Teheran, i funzionari del corpo diplomatico scampati alla cattura da parte degli iraniani, l’agente Tony Mendez (Ben Affleck) escogita un piano stravagante finalizzato a portar in salvo i fuggitivi coinvolgendo alcune conoscenze dell’Intelligence americana. Miglior film agli Oscar del 2013, il thriller di Affleck trae sviluppo dalla finzione sullo sfondo della storia, caratterizzando il lungometraggio di travestimenti e false identità. Atterrato in Iran e raggiunti i fuggitivi passando per produttore cinematografico, il carattere interpretato dal regista riuscirà nell’intento di allontanarli dalla forza nemica con l’inganno fornendo loro passaporti canadesi e documenti falsi. Ispirato a fatti realmente accaduti e uscito nelle sale italiane l’8 Novembre 2012 per la distribuzione Warner Bros, la pellicola ha conquistato numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui tre Premi Oscar e due Golden Globes nel 2013, a testimonianza del valore del prodotto e della maestria registica di Ben Affleck nell’affrontare una trattazione storica dirigendo un film sofisticato e in chiave non eccessivamente romanzata.

By |2018-07-01T12:14:11+00:00luglio 1st, 2018|cinema|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio

Leave A Comment