REAL STEEL – la boxe futuristica e “umana” di Atom

//REAL STEEL – la boxe futuristica e “umana” di Atom

REAL STEEL – la boxe futuristica e “umana” di Atom

Tematiche agonistiche e soggetto visionario per il film di Shawn Levy, ispirato al racconto Acciaio di Richard Matheson e arrivato nelle sale cinematografiche italiane il 25 Novembre del 2011, aggiudicandosi nel 2012 un People ‘s Choice Award per l’interpretazione di Hugh Jackman e un Young Artist Award per quella di Dakota Goyo, nonché una candidatura ai Premi Oscar dello stesso anno per i migliori effetti speciali.

Ambientato in un futuro neanche troppo lontano, il lungometraggio trae sviluppo dalle ambizioni di Max Keaton (Dakota Goyo) di lottare per il titolo di campione del mondo di boxe robotica dopo il ritrovamento di un esemplare G2 in una discarica. Da sempre affascinato dal mondo del pugilato per via delle sue radici, il protagonista, intenzionato a portare sul ring il suo Atom, sarà catapultato all’interno della rivalità e delle lotte al potere del caso, condizioni affrontate contando sull’aiuto del padre Charlie Keaton (Hugh Jackman). In realtà ex boxeur e conoscitore del mondo agonistico, il carattere interpretato dall’attore australiano supporterà il giovanissimo figlio undicenne in quella che sarà una sfida ad armi serrate contro un losco mondo pronto a schiacciarlo, interpretando il carattere artefice dello scioglimento dell’intreccio nel trasmettere una vincente dimensione umana al robot, divenuto il campione della gente (cit.). Ci troviamo in un contesto fantascientifico, in cui i robot hanno preso il posto degli umani perfino negli sport corpo a corpo, in cui, però, non bastano – come ci insegnano anche altri esempi di cinema sul tema – esclusivamente forza e resistenza. Molteplici i riferimenti all’intera saga del pugile più famoso del cinema Rocky Balboa, chiamato in causa, ad esempio, per l’atteggiamento di abile incassatore (cit.) e per la standing ovation finale in occasione dell’incontro del robot contro il campione in carica Zeus di Tak Mashido (Karl Yune).

By |2018-06-29T01:28:10+00:00giugno 29th, 2018|Cinema|0 Comments

About the Author:

Federico Di Massimantonio

Leave A Comment