BABBO NATALE NON VIENE DA NORD – una spassosa commedia ricca di equivoci e siparietti comici

//BABBO NATALE NON VIENE DA NORD – una spassosa commedia ricca di equivoci e siparietti comici

BABBO NATALE NON VIENE DA NORD – una spassosa commedia ricca di equivoci e siparietti comici

 Esilarante il tono della commedia di e con Maurizio Casagrande nel ruolo del protagonista, un Babbo Natale reclutato da Mc Donald per le consegne nel periodo di festa. Uscito a cavallo del periodo natalizio del 2015, il film racconta di un ex mago squattrinato di nome Marcello, il quale, ormai disoccupato, si ritroverà a dover fare i conti con la perdita di memoria dovuta ad una caduta e con il conseguente disagio nell’adattarsi nella parrocchia di Padre Tommaso (Giampaolo Morelli) e i suoi ragazzi, i quali lo accolgono dopo l’accaduto.

Pur non ricordando le sue origini e il suo passato, Marcello non aveva perso, però, il suo talento da prestigiatore risolvendo le incombenze dovute alla proprietà del giardino della Minerva. Per riuscire nella missione il nostro Babbo Natale – come viene ormai chiamato da tutti – dovrà fare affidamento sulle persone a lui più vicine, il manager Gerardo (Angelo Orlando) e la figlia India, interpretata da un’Annalisa Scarrone nel ruolo di una cantante di scarso successo ma con una vaga somiglianza (cit.) al talento della musica italiana. Elemento, questo, a sottolineare maggiormente il gioco di equivoci e fraintendimenti sul quale si regge larga parte della sceneggiatura, come dimostrato anche dallo scambio di identità tra Maria Grazia Cucinotta e l’analista di India. Sarà anche grazie all’immagine della “famiglia” di Padre Tommaso e ragazzi che sembra sottolineare l’importanza dell’unione familiare e, pertanto, si assisterà ad una rivalutazione del rapporto padre – figlia tra Marcello ed India, una presa di consapevolezza da parte della ragazza del legame insostituibile con il genitore dovuta allo sconforto per la presunta sparizione.

Colmo di momenti leggeri e divertenti a tessere il tono comico del soggetto cinematografico, il lungometraggio costituisce la seconda prova di regia di Casagrande, il quale caratterizza il suo operato di attenzione alle proprie origini e provenienza, arricchendo di slancio partenopeo una sceneggiatura nazional – popolare per tutti i gusti.

 

By |2018-03-12T14:26:08+00:00marzo 11th, 2018|Generic|0 Comments

About the Author:

FlashivE

Leave A Comment